L’Oleolito d’Iperico

Cara Cristina, mi dai l’opportunità di riscrivere sul blog dopo molto tempo… e te ne sono grata.

Dunque, l’Iperico se lo vuoi usare in tisana lo raccogli tagliandolo in modo da potere fare dei mazzetti che puoi appendere a seccare a testa in giù in un luogo ombreggiato ventilato e asciutto, non al sole, se proprio è un luogo polveroso puoi proteggerlo con un telo o un lenzuolino ma facendo in modo che la tela non tocchi direttamente le piante.

Cespuglio di iperico

Per l’oleolito invece il procedimento che seguiamo noi è questo: raccogliamo tagliando la parte dell’infiorescenza in piena fioritura ma prima che siano seccati i fiori, comunque qualche fiore secco non è un problema, la raccolta è meglio farla al mattino, ma che i fiori non siano umidi, comunque noi li lasciamo qualche ora da asciugare un po’ dopo raccolti; poi eliminiamo rametti e foglie e mettiamo i fiori in un vaso di vetro trasparente nel quale infine aggiungiamo olio extravergine di oliva biologico fino a coprire.

Può anche darsi che la raccolta si completi in due o tre giorni se le piante sono a diverse altezze e quindi diversi stadi di fioritura. Di solito per tradizione i giorni della raccolta dovrebbero essere quelli subito dopo il solstizio, precisamente intorno al 24 di giuno, che è il motivo per cui viene anche chiamata erba di San Giovanni, ma se vedi che sono già fiorite… anticipa. A questo punto devi mettere il vaso al sole, in pieno sole, coperto ma non ermeticamente chiuso, ovvero lascialo respirare, ogni tanto chiudilo bene e gira il vaso due o tre volte, poi risvita il coperchio, se non ti fidi tra il vaso e il coperchio metti una garza o un teletto pulito che però dovrai ogni volta levare per girare il vaso. Lo lasciamo al sole da tre a quattro settimane, se invece è un anno con poco sole e molte nuvole piò restare anche fino a un massimo di quaranta giorni, e a quel punto, dovrebbe avere un bel colore rosso, va filtrato e messo in bottiglie scure.

Aggiungendo un po’ di olio di germe di grano o un po’ di olio essenziale di limone si evita l’irrancidimento dell’olio di oliva.

Per quanto riguarda la riproduzione della pianta noi abbiamo notato che si diffonde un po’ come vuole lei, ma generalmente a colonie di un certo numero di piante, l’importante è che non si raccolgano tutti i fiori di ogni colonia, lasciandone sempre un certo numero per la produzione dei semi.

Un abbraccio a tutti i raccoglitori di questa pianta dalle stupende qualità.

About these ads

4 pensieri su “L’Oleolito d’Iperico

    • cara gaia non capisco cosa intendi con “notificare”… a chi?
      se tu sei una erborista diplomata e hai una attività commerciale relativa quella è la notifica… per “vendere”, e già così ci sono difficoltà burocratiche.
      per la nostra esperienza a livello “casalingo”, cioè, piccole quantità di oleolito si fanno per la famiglia e per gli amici e i conoscenti, al limite per scambiarlo o venderlo in un circuito ristretto e abituale dove puoi essere riconosciuto affidabile tipo se fai il banco abitualmente in qualche mercatino del biologico in autocertificazione.
      fare l’oleolito per venderlo vuol dire molta responsabilità, nel produrlo e nel confezionarlo e avere le struttire adatte e igienicamente conformi dato il suo possibile utilizzo su piaghe e ferite… capitomihai?
      comunque in questi mercatini qui in liguria per esempio voler vendere l’oleolito di iperico è un po’ come voler vendere frigoriferi agli esquimesi… non so dove stai tu…
      comunque sia… buon cammino
      ciao manù

  1. ciao, grazie avevo bisogno di conferme per l’iperico che ho appena raccolto e ora le ho. ma voi siete amici di iole e gaia? grazie, ciao. sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...