gio’ i man d’i noster piant

Fino ad ora la politica nei confronti delle cure naturali e fitoterapiche è stata quella del discredito, della derisione se non della guerra aperta sotto forma di una moderna caccia alle streghe antiscientifiche, una guerra che, “statistiche” di recente rese note lo confermano, ha ridimensionato il numero di quelli che nell’ultimo decennio si erano rivolti alla medicina alternativa non allopatica, cioè le case farmaceutiche, con la collaborazione di leggi ad hoc hanno riguadagnato una buona parte dei clienti che stavano perdendo!

Contemporaneamente appaiono pubblicità sui media nazionali di prodotti farmaceutici di cui si sottolinea “l’origine naturale” e la componente erboristica che, quindi, se te la danno loro va bene!

Sull’ultimo numero del Consapevole, il 12, c’è un illuminante quanto inquietante articolo di David Icke sull’argomento che titola così: Il cartello dell’industria farmaceutica contro la medicina naturale – Fascismo Globale o “Codex Alimentarius”? – ovvero quando per avere dell’aglio ci sarà bisogno della ricetta.

Suggeriamo caldamente di leggerlo.

iperico.jpg

Dell’IPERICO

L’Iperico, per noi Selvatici e per vari amici è una delle “medicine casalinghe” di base sia per le sue qualità meravigliose, sia per la facile reperibilità.

Noi ci produciamo un oleolito durante l’estate ( per tradizione andrebbe raccolto il 24 giugno, il giorno di San Giovanni, da cui deriva uno dei suoi nomi popolari Erba si San Giovanni appunto) facendolo macerare al sole in olio extravergine di oliva alcune settimane. Ne risulta una volta filtrato un olio rosso che usiamo per scottature, cicatrizzazioni, arrossamenti, punture d’insetto, ed altro tra cui distorsioni ematomi e infiammazioni muscolari e articolari e anche per gli animali.

Abbiamo anche cominciato a usarne i fiori in infusi e tisane, magari mischiato ad altre erbe più profumate perché di suo non ha molto profumo ma dà invece un bel colore giallo, e viene chiamato nella tradizione popolare “la tisana del buonumore”, oltre che essere indicato come stimolante, digestivo, diuretico ha varie altre proprietà specifiche.

Gli anni passati, presi dall’entusiasmo, oleolito ne abbiamo prodotto parecchio di più di quello che abbiamo usato, scambiato e regalato, anche perché facciamo anche quello di Calendula, così abbiamo pensato di farci del sapone e abbiamo fatto il nostro primo esperimento la scorsa primavera grazie alle ricette che abbiamo trovato su un link del blog “la Decrescita per Riccardo”. Abbiamo così “sfornato” il nostro primo chilo e mezzo di sapone profumato con olio essenziale di lavanda (troppo poco) sempre frutto di un nostro esperimento e decorato con petali freschi…! E’ venuto un bel panetto di “taleggio” ( ne ha l’aspetto per via che è un po’ bucherellato, spumeggiante…) con macchie arancio e che tenuto in acqua diventa presto una crema… insomma, l’abbiamo lavorato poco perchè, se ho capito bene, questo è il segreto, il tempo di lavorazione, mischiare e mischiare e mischiare… con grande, infinita pazienza! Però funziona! E la pelle la lascia morbidissima!!!

Così, volevo farlo da tempo, approfitto per ringraziare Riccardo per i suoi “Link tutti aggiornati” e Patrizia per le sue belle ricette .

Sempre pronti a condividere e scambiare esperienze…

Veramente selvatica Manù

One thought on “gio’ i man d’i noster piant

  1. Gent. sig,ri, ringraziandovi comunque per il vostro impegno e disponibilità volevo chiedervi se potevate inviarmi la ricetta per l’olio d’iperico(che cresce spontaneamente sul mio terreno e ,vedo che anche le api apprezzano). Qui , in Sardegna la fioritura è precoce ma quest’anno, le abbondanti piogge e la scarsità di sole mi permettono di posticipare la raccolta : di solito in questo momento dovrebbe essere tutto completamente secco.
    Domande : se raccolgo ora non comprometto l’auto risemina per l’anno successivo? E’ un fiore spontaneo ,ma abbastanza difficile da trovare, forse una volta era più diffuso e localmente usato proprio per le qualità da voi descritte…
    Devo farlo seccare in un locale al buio e proteggerlo da insetti tipo ragni ecc…Per quanto tempo? o deve direttamente macerare al sole nell’olio di oliva. In un barattolo di vetro con coperchio a vite chiuso ermeticamente?Insomma sono alla prima esperienza e ogni dettaglio porta dei dubbi per me. Ho cercato nel blog La Decrescita per riccardo, senza trovare la ricetta.
    Grazie di tutto ,è sempre una piacevole sorpresa e anche un conforto navigare nel vostro sito.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...